I segnalatori d’allarme: una breve introduzione

Cosa sai sulla “voce” di ogni sistema antifurto? Naturalmente stiamo parlando dei segnalatori d’allarme. In questo breve articolo ti forniamo una piccola guida sui sistemi di segnalazione sonora e visiva. Note ai più come ” sirene di allarme”, si tratta di una componente  fondamentale per completare il tuo impianto di antintrusione. Il loro scopo, com’è facilmente intuibile, è quello di avvisare te e le persone che si trovano all’esterno della tua abitazione  di un eventuale tentativo di intrusione. Insomma, in parole semplici, intendiamo quel segnale sonoro stridulo che di solito riesce anche a distogliere i ladri dall’idea di fare un furto in casa. Ad ogni modo, la cosa che devi assolutamente sapere è che esistono due tipologie di segnalatori: da interno e da esterno.

Segnalatori da interno

I segnalatori da interno avvisano con suoni e luci la presenza di qualcuno che tenta di violare la barriera perimetrale esterna o la forzatura di qualsiasi altra apertura della tua abitazione. In genere possiedono una potenza acustica più bassa rispetto alle sirene esterne, poiché essendo installate all’interno sfruttano la cassa di risonanza della stanza.

Segnalatori da esterno

In segnalatori da esterno  godono di un segnale acustico molto potente, affinché l’allarme sonoro possa esser colto anche a distanza, dato che l’installazione nello spazio perimetrale esterno è funzionale in particolare per abitazioni o edifici isolati. Per quanto riguarda l’aspetto esteriore,  il lampeggiante deve essere arancione o rosso. Inoltre è consigliabile installare la sirena sui balconi o sui terrazzi. Inoltre i segnalatori acustici da esterno devono essere a norma sia per quanto riguarda l’avviso acustico che alla temporizzazione: per non disturbare la quiete pubblica, non devono suonare in continuazione.